Sala del Tricolore


Ideata come archivio del Comune dall’ingegnere bolognese Ludovico Bolognini, il 7 gennaio 1794 ospita i rappresentanti delle città libere di Reggio, Modena, Bologna e Ferrara per proclamare la neonata Repubblica Cispadana. È in questa occasione che viene, per la prima volta, adottato il vessillo nei tre colori verde-bianco-rosso, assunti poi nel 1848 come bandiera nazionale. Un luogo, quindi, che ancora oggi rappresenta il simbolo dell’impegno civile della città. Attualmente sede del Consiglio comunale, viene anche utilizzata per celebrare i matrimoni civili, per ospitare conferenze e manifestazioni culturali.

Al suo interno è custodito il Gonfalone della città, fregiato di medaglia d’oro: su un lato sono rappresentati la Madonna della Ghiara insieme ai santi Prospero, Crisanto e Daria, sull’altro lo stemma del Comune.  Lo stemma del Comune è costituito, nel corpo centrale, da una croce rossa in campo bianco, recante l’iscrizione, nei quarti, delle lettere S.P.Q.R. Le iniziali del motto Senatus PopulusQue Romanus (Il Senato ed il Popolo Romano). Il tutto è sovrastato da una corona murale a cinque torri e al piede da svolazzo col motto “Pace Belloque Fidelis”.

EPSON DSC picture

GLI EVENTI DI RIGENERA 

22 settembre 2022 – Conferenza d’apertura